08. ModelloPianoEvacuazione

Scuola ………………………

 

 .........

 

 

 

 

 

PIANO DI EMERGENZA

Scuola ………………….

…………………

.........……………...

 

 

PROCEDURE DI PREVENZIONE INCENDI, GESTIONE EMERGENZA ED EVACUAZIONE (Art. 12 D.L.vo 626/94)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

INDICE

 

1. PREMESSA GENERALE.......................................................................................................................... 3

1.1. Categorie di persone presenti nella Struttura...................................................... 4

2. LE EMERGENZE.......................................................................................................................................... 4

2.1.      Livelli di emergenza.............................................................................................................. 4

3. IL PERSONALE ADDETTO ALL’EMERGENZA.................................................................................. 5

3.1.      Il Responsabile dell’Emergenza....................................................................................... 5

3.2.      Personale addetto allarme.............................................................................................. 5

3.2.1.     Compiti di eventuale personale addetto (alla portineria / al controllo dell’ingresso) 6

3.3.      Le Squadre Pronto Intervento (S.P.I.)........................................................................ 6

3.4       Addetti dispositivi sgancio in situazioni di Emergenza................................... 6

3.5.      Gli addetti all’evacuazione............................................................................................... 7

4 I LUOGHI DELL’EMERGENZA................................................................................................................. 7

4.1.      Le aree di emergenza.............................................................................................................. 7

4.2.      I punti di raduno sicuri....................................................................................................... 7

5 PROCEDURE DI EMERGENZA................................................................................................................ 8

5.1.      Situazione di emergenza del 1° LIVELLO Gestibile-risolvibile dalla Squadra Generale di Pronto Intervento............................................................................................................................................... 8

5.2.      Situazione di emergenza del 2° LIVELLO Gestibile e risolvibile solo da Enti Esterni.    8

5.3.      Procedure valide per tutte le persone coinvolte nell’incendio............... 8

5.3.1.     In generale.............................................................................................. 8

5.3.2.     Nell’area interessata dall’incendio................................................................. 9

5.3.3.     In caso di evacuazione............................................................................... 9

5.4.      Procedure per addetti Squadra Pronto Intervento......................................... 9

5.4.1.     In generale.............................................................................................. 9

5.4.2.     Per intervenire sul focolaio........................................................................ 10

6  PROCEDURE PER EMERGENZE DIVERSE DALL’INCENDIO..................................................... 11

6.1.      Fuga di gas................................................................................................................................ 11

6.2.      Emergenza elettrica........................................................................................................... 11

6.3.      Fermata ascensori............................................................................................................... 11

6.4.      Allagamenti o perdite d’acqua...................................................................................... 11

6.5.      Esplosione, scoppio, crollo........................................................................................... 12

6.6.      Evento sismico....................................................................................................................... 12

7. PIANI DI EVACUAZIONE.................................................................................................................... 13

Premessa.................................................................................................................................................. 13

7.1.      Le procedure operative..................................................................................................... 14

7.2.      Lo sfollamento, l’esodo, l’evacuazione.................................................................. 14

7.2.1.     I punti di raduno [vedi anche punti 4.5 e 4.6]............................................. 15

7.2.2.     I comportamenti da tenere durante  le evacuazioni...................................... 15

7.3       . Compiti e comportamenti delle diverse figure e delle persone............. 15

coinvolte durante le evacuazioni........................................................................................... 15

7.3.1.     Compiti generali per il personale addetto all’evacuazione................................ 15

7.3.2.     Compiti specifici per personale in ATTIVITA’ DIDATTICHE E........................... 16

SCOLASTICHE in genere....................................................................................... 16

7.3.3.     Compiti specifici per personale in CUCINA................................................... 16

7.3.4.     Il Responsabile dell’Emergenza................................................................... 17

7.4.      L’attività informativa ed addestrativa................................................................. 17

8. FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO.............................................................. 17

9 GESTIONE DEL PIANO DI EMERGENZA........................................................................................... 17

10. PERCORSI E VIE DI FUGA............................................................................................................... 18

10.1.a.         PIANO SEMINTERRATO.................................................................................................... 19

10.1.a1      3 Locali – spogliatoio - Attesa............................................................... 19

10.1.a2      Mensa................................................................................................ 19

10.1.a2      Locali tecnici e Depositi......................................................................... 19

10.1.b.         PIANO RIALZATO................................................................................................................ 20

10.1.b1      Uffici  di Segreteria – Direzione  Attesa.................................................... 20

10.1.c.    PIANO PRIMO........................................................................................................................... 20

10.1.c1      Aule.................................................................................................. 20

10.1.c2      6 Locali per gioco e didattica................................................................. 20

ALLEGATI AL PIANO DI EMERGENZA................................................................................................ 21

 

 

1. PREMESSA GENERALE

 

Il D.M. 10.03.98 ed alcune Linee Guida del Dipartimento della Protezione Civile per predisporre il comportamento di strutture sanitarie e socio-assistenziali di fronte alla necessità di evacuazione dei propri stabili, sono stati i riferimenti utilizzati per formulare questo Piano di Emergenza.

 

La Struttura della Scuola ............. può essere interessata da Emergenze dovute a problemi  sia  interni  che esterni. Per limitare i danni che tali problemi possono produrre la struttura è stata dotata di strumenti operativi, attivi 24 ore su 24, rappresentati dai Piani di Emergenza e di Evacuazione.

Questi Piani permettono alla struttura una risposta organica e coordinata che garantisce un notevole grado di efficienza nella fase operativa per evitare risposte scorrette e pericolose per operatori, bambini, utenti e visitatori.

Le caratteristiche specifiche del Piano di Emergenza sono riportate più avanti; qui definiamo alcuni aspetti essenziali e generali che valgono per ogni piano dell’edificio.

 

Un evento grave ed improvviso (es. un incendio), richiede prima l'attivazione di un Piano di Emergenza specifico poi, se l'evento in atto non potrà essere circoscritto rapidamente, occorrerà attivare anche un Piano di Evacuazione per permettere lo sgombero, parziale o totale di bambini, utenti, familiari, pubblico in genere e personale in servizio.

 

Ogni Piano è stato quindi predisposto su due livelli:

 

Ø       Livello 1: con una risposta graduata e modulare per poter rispondere ad eventi circoscrivibili, che coinvolgono solo una parte della struttura e delle persone, utilizzando il minimo dispiegamento di risorse.

Ø       Livello 2: per affrontare la peggiore situazione prevedibile, con il massimo afflusso di persone e con massima risposta operativa.

 

            Le procedure e le istruzioni contenute in questo documento hanno quindi lo scopo di indicare al personale le norme di comportamento da seguire per fronteggiare con efficacia e determinazione le diverse situazioni di emergenza che dovessero verificarsi nella strutture della sede della Scuola.

     Gli obiettivi sono quelli di ottenere, nella giusta sequenza: la corretta diramazione dell'allarme, il salvataggio delle persone e la loro eventuale evacuazione, il contenimento dell’emergenza, la salvaguardia dei beni.

 

1.1. Categorie di persone presenti nella Struttura   

Due aspetti che sono stati considerati per l’analisi del rischio per i presenti sono:

·         chi è ragionevole pensare sia soggetto al pericolo

·         dove possono venire a trovarsi le persone a rischio.

Le persone a rischio sono da ricercare sia tra i lavoratori che tra i non lavoratori, oltre ai bambini normalmente presenti.

Le caratteristiche dei gruppi specifici di persone che si sono considerate per tale Struttura  sono:

§         pubblico occasionale;

§         adulti che hanno familiarità con i luoghi e le vie di esodo;

§         bambini, incapaci di reagire autonomamente ad un allarme;

§         persone e soprattutto minori con handicap fisici e psichici;

§         adulti autonomi in servizio con utenti o in attività di lavoro ordinario.

 

Ogni ipotesi di spostamento delle persone che si trovano all’interno della struttura della Scuola ............. ha quindi tenuto conto di queste presenze.

 

Nei Piani di Emergenza ed Evacuazione tutte le persone presenti nella Struttura della Scuola ............. sono state raggruppate in 5 grandi blocchi:

Indicare

solo le reali presenze

 
            -               bambini o ospiti fissi

-                                utenti per attività occasionali

-                                personale di assistenza ed educativo

-                                eventuali parenti e visitatori

-                                altra tipologia personale

 

Le procedure di mobilitazione ed evacuazione dei Piani di Emergenza sono state strutturate considerando questi cinque blocchi raggruppabili in due grandi gruppi:

1.      Persone evacuabili con assistenza

2.      Persone autonome in fase di emergenza/evacuazione.

 

 

2. LE EMERGENZE

I casi di emergenza hanno luogo quando si verifica all'interno della Struttura    qualsiasi fatto anormale che possa costituire fonte di pericolo per il personale, gli utenti o il pubblico in genere, per gli impianti o attrezzature,  per l'ambiente interno od esterno.

L’incendio costituisce il caso di emergenza più significativo in termini sia di entità dei danni alle persone e alle cose, sia di probabilità di insorgenza, che di eventualità di EVACUAZIONE. Per questo nel Documento si fa riferimento principalmente a questa evenienza.

2.1.      Livelli di emergenza

            I vari casi di emergenza, a seconda della natura ed entità presunte del pericolo, si possono ricondurre in generale a due Livelli con due diversi tipi di interventi:

 

1° LIVELLO

Gestibile e risolvibile dalle squadre locali o generali di pronto intervento.

Emergenza le cui conseguenze si prevedono limitate ad una zona ristretta e circoscritta di un’area che non coinvolge l'intera Struttura. Può essere risolta dal solo personale presente al momento dell’evento e/o con l’aiuto degli addetti delle squadre antincendio.

Prevede una evacuazione parziale, cioè limitata all’area o al massimo al piano della Struttura  coinvolto.

 

2° LIVELLO

Gestibile e risolvibile solo da Enti Esterni

Emergenza le cui conseguenze possono interessare l'intero Edificio, oppure quando un'emergenza, inizialmente a carattere locale, tende successivamente ad estendersi a tutta la Struttura . E’ inizialmente affrontata dagli addetti antincendio della Scuola ............., ma necessita poi dell’intervento di Enti esterni (Vigili del Fuoco, ambulanze, ecc.).

Prevede una evacuazione parziale o totale a seconda della gravità.

 

 

3. IL PERSONALE ADDETTO ALL’EMERGENZA

 

3.1.      Il Responsabile dell’Emergenza

Individuare un responsabile per ogni sede

scolastica

 
E’ il soggetto designato dal datore di lavoro che ha l’autorità e la responsabilità di dirigere gli interventi in caso di emergenza. Viene denominato Responsabile dell’Emergenza con lui collaborano gli eventuali addetti del Servizio di Prevenzione e Protezione (SPP).

 

 

 

 

 

 


Formalizzare le nomine

 
Per le Emergenze nelle strutture dell’edificio della Scuola ............. sono oggi 2 le persone a cui riferirsi:

 

 


Responsabile dell’Emergenza

 

 

Addetto Servizio Prevenzione Protezione

 

 

 

3.2.      Personale addetto allarme

L’avvistamento e segnalazione dell'incendio e l’identificazione dell'area interessata dall'incendio potrà avvenire per:

Ø         segnalazione da persone estranee alla Struttura , oppure da personale della struttura che si troverà, in quel momento, all'esterno del complesso.

Ø         segnalazione direttamente dal personale operante oppure da utenti o visitatori.

Ø         segnalazione tramite rilevatori di fumo o incendio (dove sono presenti).

 

Nei tre casi la comunicazione o l’allarme arriverà al personale presente e l’addetto a far partire il segnale di allarme è:

 

Nome e cognome dell’incaricato/a

 

 

 

3.2.1.   Compiti di eventuale personale addetto (alla portineria / al controllo dell’ingresso)

In caso di emergenza il personale (della portineria/addetto al controllo dell’ingresso) si attiene alle seguenti istruzioni:

Ø                   Respingere gli autoveicoli in ingresso con l’indicazione di non provocare ostacoli alla circolazione esterna nelle vicinanze della Struttura  della Scuola ..............

Ø                   Aprire il cancello principale mantenendo libero il passaggio per un eventuale transito di mezzi di soccorso (Vigili del fuoco, ambulanze).

Ø                   Condurre o far condurre i Vigili del fuoco e gli altri soccorsi esterni sul luogo dell’emergenza e indicare il responsabile o gli addetti all’emergenza.

 

 

3.3.      Le Squadre Pronto Intervento (S.P.I.).

Le Squadre di Pronto Intervento (SPI) sono costituite dagli addetti delle Squadre Prevenzione Incendi e Gestione delle Emergenze.

Esse sono formate da lavoratori che hanno già ricevuto una formazione mirata che li mette in grado di affrontare l’emergenza in condizioni di sicurezza.

Le SPI garantiscono un primo, tempestivo intervento al fine di contenere l’emergenza e soccorrere le persone coinvolte.

Gli addetti Squadra Pronto Intervento o Squadra Antincendio sono:

 

Addetto Squadra Antincendio

 

 

Addetto Squadra Antincendio

 

 

Addetto Squadra Antincendio

 

 

Addetto Squadra Antincendio

 

 

 

3.4       Addetti dispositivi sgancio in situazioni di Emergenza

Indicare

solo la reale situazione

presente

 
Attualmente lo sgancio elettrico per Emergenza può avvenire

-          quadro generale di sgancio

-           quadri elettrici di Piano

-          pulsante di sgancio emergenza

 

Per lo sgancio del gas:

-          una valvola automatica di intercettazione in caso di perdite

-          una valvola di chiusura generale esterna

-          una valvola interna in cucina

 

Gli addetti agli sganci sono:

 

Addetto sgancio elettrico

 

Addetto gas

 

Addetto gasolio e caldaia

 

 

 

 

 

 

3.5.      Gli addetti all’evacuazione

 

Sono considerati addetti all’Evacuazione tutti i dipendenti, collaboratori professionali, tirocinanti e volontari operanti in servizio presso la Struttura Scolastica.

Gli addetti all’evacuazione sono incaricati di collaborare allo sfollamento ordinato dell’area interessata dall’Emergenza qualora fosse necessario sfollare parzialmente o totalmente la Struttura.

Questi lavoratori riceveranno una formazione specifica per affrontare l’evacuazione e per dare indicazioni specifiche ai presenti, adulti o minori, con scarsa familiarità con le vie di esodo o i percorsi di evacuazione dell’edificio previsti dal Piano di Evacuazione.

 

 

4 I LUOGHI DELL’EMERGENZA

 

4.1.      Le aree di emergenza

 

Al fine di affrontare efficacemente l’emergenza la Struttura  della Scuola ............. è stata suddivisa nelle aree riportate nella Tabella seguente, fisicamente separate tra loro e coincidenti con i piani degli stabili, che a loro volta hanno aree di emergenza distinte con specifici percorsi e vie di fuga. Ciascuna area potrà trovarsi singolarmente in situazione di emergenza.

 

Gli interventi descritti dalle procedure di emergenza saranno effettuati nell’area interessata dall’emergenza, mentre nelle altre aree non in emergenza proseguiranno le attività in corso; gli addetti manterranno uno stato di allerta (preallarme) in attesa di eventuali ordini che verranno impartiti dal responsabile dell’emergenza a seconda della gravità della situazione che può portare l’intero piano o l’intero stabile coinvolto dall’emergenza.

 

A puro titolo esemplificativo si riporta la tabella di una sede esempio

 

Tabella riassuntiva della STRUTTURA DELLA SCUOLA .............

 

 1. Piano Seminterrato

- Locali Spogliatoi  Attesa

- Mensa e locali tecnici e di deposito

 2.  Piano Rialzato

-          Uffici Segreteria e Direzione

3.      Piano Primo

-          Aule

-          Locali gioco e didattica

-          Locale per psicomotricità, Cucina, Soggiorno

 

 

4.2.      I punti di raduno sicuri

Si sono individuati i punti di raduno sicuri dove, in caso di evacuazione totale di tutta la Struttura , le persone sfollate potranno radunarsi in attesa della fine dell’emergenza.

 

I punti sono collocati esternamente lontano dai possibili pericoli legati all’emergenza (fumo, calore, esplosioni, scoppi, proiezione di schegge, ecc.). Sono utilizzati da tutte le persone valide, in grado di muoversi autonomamente o con accompagnatori.

 

 

Punti di raduno sicuri per la sede della Scuola sono i

Cortili esterni adiacenti allo stabile

 

 

5 PROCEDURE DI EMERGENZA

 

5.1.      Situazione di emergenza del 1° LIVELLO Gestibile-risolvibile dalla Squadra Generale di Pronto Intervento.

Emergenza le cui conseguenze si prevedono limitate ad una zona ristretta e circoscritta di un’area che non coinvolge l'intero stabile.

Può essere risolta dal solo personale presente al momento dell’evento e/o con l’aiuto degli addetti della Squadra di Pronto Intervento. Prevede una evacuazione parziale, cioè limitata all’area o piano della Struttura coinvolto.

All’arrivo di una chiamata d’emergenza o di un segnale d’allarme automatico da impianti gli addetti Squadra Antincendio si recano rapidamente sul posto, valutano la gravità e il tipo di emergenza ed effettuano le operazioni di contenimento o spegnimento del focolaio attraverso gli estintori presenti.

Se l’emergenza è di modesta entità e l’intervento di contenimento ha successo, gli addetti delle SPI avvertono il responsabile dell’emergenza del cessato allarme.

 

5.2.      Situazione di emergenza del 2° LIVELLO Gestibile e risolvibile solo da Enti Esterni.

Emergenza le cui conseguenze possono interessare l'intera Struttura , oppure quando un'emergenza, inizialmente a carattere locale, tende successivamente ad estendersi a tutto l’edificio. E’ inizialmente affrontata dalla Squadra Antincendio della Struttura, ma necessita dell’intervento di enti esterni (Vigili del Fuoco, ambulanze, ecc.). Prevede una evacuazione parziale o totale a seconda della gravità.

Se l’intervento di contenimento dell’emergenza da parte degli addetti della SPI Locale non ha avuto successo o la situazione è di gravità tale da non poter essere affrontata dalla sola Squadra di addetti, il Responsabile dell’Emergenza:

·                     mette in preallarme le aree e i piani circostanti non ancora coinvolti dall’emergenza;

·                     fa chiamare i soccorsi esterni;

·                     si reca presso la zona in emergenza da dove dirige le operazioni.

·                     dispone l’evacuazione parziale o totale della sede della struttura.

 

5.3.      Procedure valide per tutte le persone coinvolte nell’incendio.

Riportiamo una serie di procedure, regole e comportamenti che andranno divulgati e trasmessi a tutto il personale relativamente alla gestione dell’Emergenza Incendio.

Il personale dipendente, in collaborazione professionale, tirocinio o volontariato della Scuola che si trova coinvolto in una emergenza incendio deve:

 

5.3.1.   In generale

·       Valutare la situazione determinando se esiste la possibilità di estinguere immediatamente l'incendio con i mezzi a portata di mano.

·       Non tentare di iniziare lo spegnimento con i mezzi portatili se non è in grado o sicuro di riuscirvi.

·       Allertare la Centrale di Allarme della Struttura o direttamente uno degli addetti della Squadra di Pronto Intervento.

·       Eseguire ogni operazione con celerità e ordine, senza intralci, in modo da evitare perdite di tempo, tenendo presente che più tempo passa più diventa difficoltosa l’operazione di estinzione.

 

5.3.2.   Nell’area interessata dall’incendio

·       Fornire ai responsabili tutte le informazioni disponibili sulla localizzazione e gravità del focolaio.

·       Interrompere immediatamente ogni operazione che potrebbe alimentare l’incendio, quali movimentazione o uso di sostanze infiammabili.

·       Intercettare (chiudere) le alimentazioni di gas, energia elettrica, fluidi combustibili, gas tecnici o ad uso sanitario.

·       Limitare la propagazione del fumo e dell'incendio chiudendo le porte di accesso e dei compartimenti.

·       Avvertire immediatamente gli addetti all’emergenza se vi sono persone rimaste bloccate all’interno dell’area di rischio.

·       Avvertire immediatamente gli addetti all’emergenza se vi sono persone intossicate o ustionate.

 

5.3.3.   In caso di evacuazione

·       Se i corridoi e le scale sono invasi dal fumo, restare nel locale, tenere la porta chiusa e sigillare ogni fessura con abiti bagnati.

·       Allontanarsi dall’area dell’emergenza usando unicamente le vie di fuga prestabilite e non altri percorsi controllando da vicino l’evacuazione dei bambini.

·       Non usare gli ascensori, ma solo le scale.

·       Se si trova fumo lungo il percorso di fuga camminare chinati e respirare tramite un fazzoletto, preferibilmente bagnato.

·       Se si trovano fiamme o calore intenso lungo il percorso di fuga proteggere il corpo e la testa con indumenti pesanti bagnati (evitare i tessuti sintetici; lana o cotone vanno bene).

·       Non cercare di portare con sé oggetti pesanti o voluminosi che rallenterebbero l’evacuazione.

·       Se le strutture sono state attaccate dal fuoco, spostarsi con grande prudenza, saggiando la resistenza del pavimento, di gradini e pianerottoli prima di caricare tutto il peso del corpo.

·       Tenersi rasente ai muri, dove la resistenza del pavimento è maggiore.

·       Tenersi lontano dai muri con presenza di crepe, specialmente quelle orizzontali che indicano una maggior tendenza al crollo.

 

 

5.4.      Procedure per addetti Squadra Pronto Intervento

 

5.4.1.   In generale

In caso di rischio grave e in assenza della squadra di soccorso , gli addetti della Squadra Pronto Intervento della Struttura si attivano al comando del Responsabile dell’Emergenza o se vengono allertate dall’Allarme della Struttura, ed effettuano le seguenti operazioni:

·       Utilizzano, qualora le condizioni lo permettano, i mezzi mobili di estinzione (estintori, manichette, ecc.).

·       In caso di presenza di porte tagliafuoco ne verificano la loro chiusura, così come quella delle finestre per confinare lo sviluppo di fumo e calore.

·       Ispezionano i locali dell’area in emergenza alla ricerca di eventuali dispersi per portarli in salvo.

·       Allontanano gli automezzi eventualmente presenti nelle vie attorno alla Struttura  che possono intralciare l’opera di contenimento dell’emergenza o riportare danni. Nello svolgere l’operazione pongono particolare attenzione a non ostacolare l'arrivo di eventuali mezzi di soccorso esterni.

·       Liberano da eventuali ingombri od ostacoli il perimetro della Struttura 

    in emergenza per permettere la migliore accessibilità delle

    autopompe, autoscale o altri mezzi di soccorso.

·       Verificano che al momento dell’arrivo delle autopompe dei VVF che le vie di accesso all’area in emergenza siano sgombre.

·       Forniscono ai VVF tutte le informazioni utili per una rapida risoluzione dello stato di emergenza, quali: il luogo e tipo di incendio, i materiali infiammabili interessati, gli impianti coinvolti, i mezzi e le attrezzature antincendio e di emergenza disponibili (motopompe, idranti, estintori, mezzi protettivi, ecc.) e la loro ubicazione.

 

5.4.2.   Per intervenire sul focolaio

In particolare, nell’opera di spegnimento, gli addetti dovranno attenersi a quanto appreso durante i Corsi di Formazione specifici per addetti antincendio. In particolare evidenziamo:

·       Impedire l’accesso a chiunque non sia addetto alle operazioni di emergenza.

·       Rendersi conto della natura dell’incendio per scegliere e impiegare il mezzo di spegnimento più idoneo.

·       Intervenire con gli estintori in caso di piccolo focolaio; e se sono presenti intervenire con gli idranti o le manichette ad acqua in caso di incendio più grave.

·       Non usare l’acqua in presenza di impianti o apparecchiature elettriche in tensione per evitare il pericolo di folgorazione.

·       Non usare l’acqua in presenza di sostanze che possono reagire pericolosamente, quali carburo di calcio, carbonato di calcio, sodio, potassio, magnesio, zinco, alluminio.

·       Non usare l’acqua in presenza di sostanze che possono produrre spruzzi corrosivi o vapori tossici, quali acido solforico, cloro, fluoro, anidride acetica, cianuri.

·       Non usare l’acqua su serbatoi infiammati contenenti benzina, oli o liquidi leggeri che potrebbero galleggiare e traboccare, estendendo l’incendio.

·       Se possibile non usare l’acqua in presenza di documenti o oggetti di valore che sarebbero distrutti.

·       Iniziare l'opera di estinzione solo con la garanzia di una via di fuga sicura alle proprie spalle e con l'assistenza di altre persone.

·       Limitare al massimo qualsiasi corrente d’aria (chiudere porte, finestre, prese d’aria, impianti di ventilazione).

·       Posizionarsi in modo da avere sempre l’eventuale corrente d’aria alle spalle per evitare di essere minacciati dalle fiamme.

·       Allontanare dal fuoco i materiali combustibili più vicini creando intorno ad esso una zona di rispetto incombustibile (eventualmente raffreddata con acqua).

·       In ambiente esterno essere pronti a fronteggiare improvvisi cambiamenti della direzione del vento.

·       Se possibile non usare gli estintori a polvere in presenza di apparecchiature o strumenti delicati che sarebbero danneggiati.

·       Non usare estintori a schiuma in presenza di impianti o apparecchiature elettriche in tensione per evitare il pericolo di folgorazione.

·       Non usare estintori ad anidride carbonica o ad halon in locali chiusi e molto piccoli per evitare pericoli di soffocamento o intossicazione.

·       Non dirigere mai il getto contro le persone, anche se avvolte dalle fiamme, ma soffocare il fuoco coprendo la persona con coperte o indumenti.

·       Non avanzare su superfici coperte da materiali infiammabili (carburanti, paglia, segatura o simili).

·       In caso di incendio grave, che possa danneggiare le strutture e comprometterne la stabilità, bagnare l’esterno dell’edificio con gli idranti per tenere bassa la temperatura.

 

 

6  PROCEDURE PER EMERGENZE DIVERSE DALL’INCENDIO

Si sono stabilite una serie di procedure di intervento anche per altre situazioni di emergenza diverse dall’incendio, ma che si creano spesso associate ad esso, per le quali può essere necessario adottare il Piano di Evacuazione della Struttura.

Si sono considerate le seguenti situazioni di emergenza:

6.1.      Fuga di gas

6.2.      Emergenza elettrica

6.3.      Fermata ascensori

6.4.      Allagamenti e perdite d’acqua

6.5.            Esplosione, scoppio, crollo

 

6.1.      Fuga di gas

Se non sono presenti rilevatori perdite di gas che attivano automaticamente le valvole di intercettazione e bloccano l’erogazione di gas i lavoratori presenti nell’area interessata alla fuga di gas,  devono:

1.       segnalare tempestivamente il pericolo e chiudere le valvole manuali;

2.       aprire tutte le aperture verso l’esterno (finestre porte, lucernari);

3.       spegnere tutte le fiamme libere, comprese le sigarette;

4.       interrompere l’alimentazione elettrica;

5.       La squadra di Emergenza eventualmente attiverà l’evacuazione di personale e pubblico usando le vie di esodo prestabilite dal Piano di Evacuazione della Struttura di cui al punto 7;

 

6.2.      Emergenza elettrica

Si considera emergenza elettrica la situazione che può venirsi a creare in seguito ad una grave esplosione o crollo che provochi mancanza di energia o di illuminazione (parziale o totale) per più tempo.

In questo caso i lavoratori presenti nell’area interessata danno l’allarme e:

·       provvedono all’eventuale evacuazione dell’area interessata avviando pubblico e personale verso le vie di fuga prestabilite dal Piano di Evacuazione della Struttura, assistendo con eventuali torce l’esodo lungo i percorsi predefiniti;

·       nella parte di impianto interessato all’emergenza viene immediatamente tolta tensione fino a quando non è stato riparato il guasto;

·       i non addetti non si avvicinano a cavi scoperti o a cavi tagliati o a macchine ancora sotto tensione malfunzionanti.

 

6.3.      Fermata ascensori

In questo caso i lavoratori presenti nell’area interessata allertano gli addetti della Ditta di Manutenzione e:

·       si recano presso l’ascensore per verificare la reale fermata e quante persone sono bloccate al suo interno;

·       eseguono, se ne sono in grado, le manovre appropriate per l’evacuazione delle persone dall’apparecchio di sollevamento.

·       Se non sono in grado di intervenire attendono l’intervento della Ditta specializzata.

 

6.4.      Allagamenti o perdite d’acqua

Qualora si riscontri anomala presenza d’acqua nelle aule, nei laboratori e uffici in genere, nella palestra o mensa i lavoratori più prossimi all’area interessata dovranno:

·       verificare la causa della fuoriuscita di acqua e dare l’allarme;

·       staccare l’alimentazione elettrica.

·       bloccare al primo piano gli ascensori;

·       provvedere all’eventuale evacuazione dell’area interessata avviando pubblico e personale verso le vie di esodo prestabilite dal Piano di Evacuazione della Struttura  .

 

6.5.      Esplosione, scoppio, crollo

Questi eventi possono verificarsi anche insieme e bisogna tenere presente che nonostante gli interventi e le procedure di prevenzione adottate, si possono comunque verificare scoppi o esplosioni che spesso si associano a crolli, causati da eventi accidentali o a causa di agenti esterni quali un fulmine, un incendio. I fattori di rischio presenti nella Scuola sono le aree: cucina, centrale termica, deposito bombole gas compressi, laboratori di chimica ecc.

In caso di scoppio o esplosione e possibili crolli i lavoratori presenti nell’area interessata dall’evento devono dare l’allarme:

·       Attivare gli addetti punto 3.4 per staccare l’alimentazione elettrica.

·       provvedere all’eventuale evacuazione dell’area interessata avviando pubblico e personale verso le vie di esodo prestabilite dal Piano di Evacuazione della Struttura  .

·       controllare che non vi siano focolai di incendio; in caso intervenire con gli estintori portatili;

·       verificare gli eventuali danni causati dall'esplosione alle linee di servizio (aria, acqua, rete antincendio) e quale sia la situazione del luogo.

·       Nel caso si sia verificata un'emissione di vapori o gas potenzialmente pericolosi per l'ambiente esterno i responsabili dell’emergenza avvisano le Autorità competenti (A.S.L., Comune, VVF).

 

·       In caso di crollo di strutture, o di cedimenti di edifici o parti di essi o ancora di pericolo di collasso imminente di strutture o fabbricati spostarsi con grande prudenza, saggiando la resistenza del pavimento, di gradini e pianerottoli prima di caricare tutto il peso del corpo;

·       tenersi rasente ai muri, dove la resistenza del pavimento è maggiore;

·       tenersi lontano dai muri con presenza di crepe, specialmente quelle orizzontali che indicano una maggior tendenza al crollo;

·       irrorare se necessario con l’acqua le strutture o l’edificio crollato per prevenire possibili focolai di incendio;

 

6.6.      Evento sismico

Questo  evento può determinare il verificarsi delle evenienze analizzate nei punti precedenti (fuga di gas, incendio e crollo ecc.) e bisogna tenere presente che nonostante gli interventi e le procedure di prevenzione adottate, si possono comunque verificare scoppi o esplosioni associate a crolli determinati dall’entità del sisma.

In caso di evento sismico spesso associato a possibili crolli tutti i presenti nell’area interessata dall’evento devono evitare di uscire dall’edificio fino al termine della scossa di terremoto, mantenere la calma, non usare assolutamente gli ascensori e seguire i  comportamenti sotto elencati.

 

Si possono comunque avere due situazioni:

  1. Persone che si trovano all’interno di edifici.
  2. Persone all’aperto.

 

Situazione A.

In questo caso il rischio principale è rappresentato dal crollo della struttura e, contemporaneamente, dalla caduta al suo interno di mobili e suppellettili; è quindi fondamentale identificare quali possano essere i punti più “solidi” della struttura (in genere le parti portanti, gli architravi, i vani delle porte e gli angoli in genere) e portarsi nelle loro vicinanze.

Nello stesso tempo cercare di allontanarsi dalle suppellettili di ogni tipo che potrebbero cadere addosso.

E’ opportuno trovare riparo, proteggendosi la testa con le mani e le braccia, sotto tavoli o banchi , in ginocchio, oppure addossandosi ad un muro “maestro”, comunque in punti lontani da finestre che potrebbero rompersi e ferire.

Situazione B.

In questo caso il pericolo principale è rappresentato dal crollo della struttura o comunque di parti di essa. Evitare assolutamente di sostare sotto balconi,  cornicioni o grondaie e prestare molta attenzione se si è costretti a passare sotto di essi. Un buon riparo può essere offerto dall’architrave di un portone, meglio comunque sostare in spazi aperti come prati, giardini, ampi cortili esterni in attesa di uno sfollamento gestito da eventuali soccorritori esterni o dal Piano della Protezione Civile.

Al termine del terremoto

·       Provvedere, al termine della scossa sismica, all’evacuazione dell’area interessata avviando pubblico e personale verso le vie di esodo prestabilite dal Piano di Evacuazione della Struttura.

·       Attivare gli addetti punto 3.4 per staccare l’alimentazione elettrica.

·       controllare che non vi siano focolai di incendio; in caso intervenire con gli estintori portatili;

·       verificare gli eventuali danni causati dall'esplosione alle linee di servizio (aria, acqua, rete antincendio) e quale sia la situazione del luogo.

·       Nel caso si sia verificata un'emissione di vapori o gas potenzialmente pericolosi per l'ambiente esterno i responsabili dell’emergenza avvisano le Autorità competenti (A.S.L., Comune, VVF).

·       Assistere eventuali feriti ed attivare i soccorritori.

·       In caso di crollo di strutture, o di cedimenti di edifici o parti di essi o ancora di pericolo di collasso imminente di strutture o fabbricati spostarsi con grande prudenza, saggiando la resistenza del pavimento, di gradini e pianerottoli prima di caricare tutto il peso del corpo;

·       tenersi rasente ai muri, dove la resistenza del pavimento è maggiore;

·       tenersi lontano dai muri con presenza di crepe, specialmente quelle orizzontali che indicano una maggior tendenza al crollo.

 

 

7. PIANI DI EVACUAZIONE

 

Premessa

L'evacuazione di utenti, personale, visitatori a causa di qualche evento improvviso, costituisce l'ultima fase dell'evoluzione negativa di una situazione di emergenza.

L'evacuazione di Strutture come quella di una Scuola ............., per la particolare tipologia di persone presenti, richiede un notevole impegno organizzativo da parte dei Responsabili. Inoltre, in una struttura in cui è presente un'alta densità di persone, molte delle quali possono essere  non autosufficienti e non deambulanti, è facile che si verifichino alterazioni nei comportamenti interpersonali che sfociano in situazioni di panico.

Il panico, provocando alterazioni dei comportamenti e reazioni irrazionali, presenta manifestazioni che costituiscono di per sé elemento pericoloso e possono provocare rischi indotti ben più gravi dell'evento stesso:

·         istinto di coinvolgere gli altri nell'ansia generale, con invocazioni di aiuto, grida e atti disperati;

·         istinto alla fuga, in cui predomina l'autodifesa, anche violenta (comportamento asociale e antisociale);

·         paralisi totale o negazione dell'esistenza del pericolo.

 

Lo stato di ansia, la paura, suscitati da una minaccia improvvisa di pericolo, perché non si trasformino in panico, richiedono una pronta reazione, una risposta preparata e non improvvisata.

L'utilità di un Piano di Evacuazione si basa sul presupposto che vengano individuati quegli accorgimenti sul piano psicologico e quei riferimenti tecnico-logistici indispensabili a contenere, nel grado più elevato, l'ansia dell'imprevisto e le reazioni provocate dal panico.

Il Piano di Evacuazione e le Procedure qui di seguito descritte tendono a ricondurre nella sfera della razionalità tali manifestazioni e, creando fiducia, inducono ad un sufficiente autocontrollo per attuare comportamenti atti ad evitare confusione e sbandamento.

Anche le prove di evacuazione annuali vanno in questa direzione.

 

Tenendo presente l'obiettivo che si vuol conseguire, il Piano di Evacuazione può essere espresso sinteticamente in un sistema che comprende 4 sottosistemi integrati fra loro:

7.1       Le procedure operative

7.2       Le vie di esodo ed evacuazione

7.3       Compiti e comportamenti delle persone coinvolte

7.4       L’attività informativa ed addestrativa.

 

Nell'evacuazione occorre considerare un doppio scenario:

·         l'evacuazione parziale ovvero il trasferimento delle persone presenti al momento dell’emergenza in una zona considerata sicura (zona sicura nello stesso piano o zone sicure in altri piani).

Sarà una Evacuazione di tipo orizzontale da un compartimento ad un altro, considerato luogo sicuro, nell'ambito dello stesso piano del fabbricato;

 l'evacuazione totale ovvero l'esodo dei bambini, familiari, pubblico e del personale dell'intero Struttura  verso zone sicure all'esterno della struttura.

Sarà una Evacuazione di tipo verticale in quanto il trasferimento delle persone avviene tra piani diversi dell'edificio.

 

7.1.      Le procedure operative

Tutto il personale è considerato addetto all’evacuazione e dovrà facilitare lo sfollamento dell’area di tutte le persone presenti mantenendo calma e ordine.

E’ opportuno che al momento di un allarme-emergenza tutte le persone autonome siano fatte allontanare dal piano seguendo le vie di esodo segnalate fino a raggiungere i punti di raduno sicuri all’esterno dell’edificio.

Le persone con problemi di mobilità o bisognose di assistenza verranno o gestite direttamente dal personale della Struttura   o dai familiari presenti con il degente o utente ed andranno fatte allontanare dal piano seguendo le vie di esodo segnalate fino a raggiungere i punti di raduno sicuri all’esterno dell’edificio.

 

7.2.      Lo sfollamento, l’esodo, l’evacuazione.

L’evacuazione non deve assolutamente trasformarsi in una fuga caotica e disordinata.

Durante lo sfollamento dei locali si cerca di mantenere l’ordine, la calma e si cura particolarmente l’incolumità delle persone.

Il percorso da seguire è quello delle vie di fuga indicato dalla cartellonistica  verde e dai segnali associati ad ogni Uscita di emergenza.

Non bisogna mai scegliere un percorso diverso da quello segnalato, anche se è apparentemente più conveniente.

In ogni piano, sarà esposta una planimetria con indicate le vie di fuga da utilizzare in caso di evacuazione ed il percorso con colore specifico da utilizzare per l’esodo.

 

 

7.2.1.   I punti di raduno [vedi anche punti 4.5 e 4.6]

I punti di raduno sono zone sicure o protette in cui è garantita la sicurezza delle persone evacuate.

A seconda del tipo di evacuazione si possono raggiungere due tipi di punti di raduno.

·       In caso di evacuazione parziale si raggiunge il luogo sicuro (atrio, corridoio, disimpegno, ecc.) all’interno della Struttura.

·       In caso di evacuazione totale si raggiunge un luogo sicuro esterno al cortile Struttura  (vedi punto 4.5). Gli utenti che hanno possibilità di movimento fortemente ridotta (disabili, ecc.) a seconda della situazione vengono portati:

·         in un luogo sicuro o protetto all’interno della Struttura stessa.

I punti di raduno esterni sono indicati con la lettera " R " sui cartelli e sulle planimetrie della Struttura  .

Tutti i lavoratori che al momento dell’evacuazione si trovano fuori dall’abituale posto di lavoro, devono raggiungere autonomamente e al più presto il proprio punto di raccolta.

Tutti collaborano per raccogliere le informazioni disponibili sugli eventuali assenti, curandone l’attendibilità.

Nel caso si accerti la mancanza di qualcuno, il personale della Struttura   che ha seguito l’evacuazione informa tempestivamente il Responsabile dell’Emergenza o qualcuno degli addetti S.P.I..

 

7.2.2.   I comportamenti da tenere durante  le evacuazioni

·       Mantenere la calma evitando di trasmettere il panico ad altre persone.

·       Non creare allarmismo scappando verso le uscite prima che sia stata dichiarata l’evacuazione.

·       Allontanarsi senza perdere tempo appena dichiarata l’evacuazione.

·       Non usare il telefono se non per motivi inerenti l’emergenza in atto.

·       Prima di lasciare il posto di lavoro spegnere i macchinari e chiudere le alimentazioni (elettricità, combustibili).

·       Non prendere con sé oggetti pesanti o ingombranti.

·       Non entrare in nessun locale o deviare dalla via di fuga segnalata.

·       Non utilizzare gli ascensori per abbandonare i piani.

·       Afferrarsi saldamente al corrimano durante la discesa delle scale.

·       Non correre e non spingere altre persone.

·       Prestare assistenza a chi si trova in difficoltà solo se si è sicuri di riuscire nell'intento.

·       Non rientrare nell'edificio o nell’area coinvolta dall’emergenza fino a quando non sia dichiarato il cessato allarme.

·       Non ostacolare lo sfollamento fermandosi vicino alle uscite di sicurezza.

·       Non assumere iniziative individuali per cui non si è autorizzati.

 

 

7.3 .     Compiti e comportamenti delle diverse figure e delle persone

coinvolte durante le evacuazioni.

 

7.3.1.   Compiti generali per il personale addetto all’evacuazione.

Ricordiamo che sono considerati addetti all’Evacuazione tutti i dipendenti e collaboratori, tirocinanti e volontari presenti normalmente in servizio presso la Struttura della Scuola .............  (vedi punto 3.5).

Il compito principale degli addetti all’evacuazione è condurre rapidamente, ordinatamente e in sicurezza tutte le persone presenti nell’area di competenza fino al punto di raduno prestabilito.

All’ordine di evacuazione dato dal Responsabile dell’Emergenza e diffuso dall’Allarme, il personale presente si deve attivare per attuare il piano di evacuazione parziale o totale.

In particolare vanno effettuate le seguenti operazioni:

·       Dare immediatamente ordine di sospensione attività e abbandonare l’area.

·       Curare che vengano seguite le istruzioni per l’evacuazione (spegnimento delle macchine, chiusura delle alimentazioni, abbandono di oggetti pesanti o ingombranti, giochi e giocattoli in uso, ecc.).

·       Dirigere ed assistere le operazioni di esodo lungo i percorsi stabiliti ed attraverso le uscite di emergenza garantendo l’ordine e la calma.

·       Verificare che le persone bisognose di aiuto siano assistite e rassicurate.

·       Verificare che eventuali visitatori, dipendenti di imprese esterne e le persone che non hanno familiarità con i luoghi siano guidate.

·       Soccorrere le eventuali persone in pericolo di vita immediato.

·       In caso di incendio, se sono presenti porte tagliafuoco verificarne la chiusura e chiudere anche le finestre per confinare lo sviluppo di fumo e calore.

·       Verificare che nessuno utilizzi gli ascensori, ma solo le scale.

·       Raggiunto il punto di raduno stabilito (esterno o interno in altro reparto) verificare se qualcuno possa essere rimasto nei locali interessati dall’emergenza.

·       Predisporre con i colleghi l’eventuale assistenza a persone evacuate che necessitino di cure specifiche.

·       Rimanere a disposizione del Responsabile dell’Emergenza.

 

 

7.3.2.   Compiti specifici per personale in ATTIVITA’ DIDATTICHE E

SCOLASTICHE in genere.

Nelle aree dove si svolge attività didattica è il personale docente e di assistenza che al momento dell’ordine di evacuazione ha la responsabilità della classe e che deve attivarsi per garantire lo sfollamento sicuro degli bambini. In particolare le operazioni si svolgono come segue:

a)                                Uno degli insegnanti presenti in aula raccoglie il registro delle presenze e si pone alla porta di uscita dando l’ordine di evacuazione.

b)                                Un adulto insieme ad un bambino apri fila inizia ad uscire dalla classe tenendo per mano il secondo bambino e così via fino all'uscita dello bambino chiudi fila.

c)                                Un adulto conta gli bambini durante il loro passaggio verificando che il loro numero corrisponda a quello indicato sul registro e chiude la porta dell’aula assicurandosi che sia vuota.

d)                                Se uno o più bambini è fuori aula e/o si trova ai servizi o in altro locale, sarà premura di uno degli insegnanti/assistenti andare a recuperarlo ed inserirlo nel gruppo classe evacuato.

e)                                Ogni classe, una volta al completo, si dirige verso il punto di raduno prestabilito seguendo le vie di fuga segnalate.

f)                                 Durante l’esodo il gruppo deve rimanere compatto e muoversi con calma seguendo solo i percorsi stabiliti ed indicati nelle planimetrie esposte.

g)                                In caso di difficoltà (es. panico da parte dei bambini) allertare immediatamente altri adulti per un aiuto.

h)                                Raggiunto il punto di ritrovo sicuro uno degli insegnanti ripete l'appello, segnalando al Responsabile dell’Emergenza la completa evacuazione della propria classe.

 

 

7.3.3.   Compiti specifici per personale in CUCINA

In caso di evacuazione tutte le attività devono essere immediatamente sospese.

Il personale operante nelle aree in cui sono presenti apparecchiature, impianti, macchinari o simili, deve verificare che tali apparati vengano messi in sicurezza, in modo da non costituire un pericolo per le squadre dei soccorsi esterni o un motivo di ulteriore aggravamento dell’emergenza.

In particolare: vanno spente le apparecchiature elettriche e le fiamme, chiusi i contenitori di prodotti infiammabili e di sostanze pericolose per la salute di persone ed ambiente chiuso il rubinetto principale di adduzione gas.

 

7.3.4.   Il Responsabile dell’Emergenza

Il responsabile dell’emergenza dirige le operazioni nel loro complesso, sia di intervento per contenere l’emergenza sia di evacuazione.

Deve seguire direttamente e dare disposizioni in merito ai seguenti aspetti:

·       Predisposizione del controllo delle persone rimaste coinvolte o ferite nell’evento che impone l’evacuazione.

·       Organizzazione, allestimento, gestione delle aree di attesa per le persone coinvolte nell’emergenza.

 

7.4.      L’attività informativa ed addestrativa.

In caso di pericolo, l'attività informativa degli utenti è di fondamentale importanza. Per evitare il panico collettivo, cioè la paura intensa avvertita da tutti a seguito di un evento improvviso, che si traduce spesso in fuga disorganizzata, occorrono misure che permettano di controllare le reazioni individuali di paura, quali:

 

·         Informazioni concise e regolari da parte del Responsabile dell’Emergenza

·         Dimostrazione delle presenza materiale di persone responsabili e di riferimento in ogni Struttura .

·         Nell’atrio della Scuola verrà installato un cartello dal titolo "Norme di comportamento in caso di emergenza".

·         Lo scopo dei cartelli è quello di informare gli utenti occasionali, soprattutto quelli non in grado di muoversi autonomamente, che in caso di emergenza non saranno lasciati soli, ma che la struttura reagirà in tempi brevi e con cognizione di causa.

 

Occorre prevedere che, in caso di emergenza nelle ore più critiche, il personale non sarà sempre in numero sufficiente per assolvere tutti i compiti. Pertanto occorrerà utilizzare in modo proficuo l'aiuto che possono dare i parenti ed i familiari in genere.

Questo sottosistema considera anche un altro fondamentale punto è quello dell'attività addestrativa. Lo scopo di tale attività è quello di:

·         verificare periodicamente la funzionalità del Piano per correggerne gli errori o le disfunzioni (una prova di evacuazione all’anno).

·         mantenere il personale addestrato, ricordandone i compiti specifici.

·         sensibilizzare il personale sulle problematiche della sicurezza.

 

 

8. FORMAZIONE, INFORMAZIONE E ADDESTRAMENTO

Il Piano di Emergenza è stato portato a conoscenza di tutto il personale della  Scuola e pubblicizzato nei modi più efficaci.

Tutto il personale interessato al piano di emergenza verrà formato e addestrato per i compiti specifici che è tenuto a svolgere in caso di emergenza. Verranno tenute esercitazioni periodiche di pronto intervento ed evacuazione simulando situazioni di spegnimento incendi, assistenza ad infortunati, uso di mezzi di soccorso.

La periodicità della formazione e addestramento è curata dal R.S.P.P.ed avverrà almeno una volta all’anno.

 

9 GESTIONE DEL PIANO DI EMERGENZA

Il Piano d’Emergenza è adeguato e migliorato nel tempo a seguito dell’esperienza accumulata, dei risultati delle esercitazioni, dei contributi degli addetti all’emergenza raccolti e valutati dal responsabile del servizio di prevenzione e protezione.

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, con il contributo del Responsabile delle Emergenze, cura l’aggiornamento continuo, periodico e saltuario del piano di emergenza secondo le procedure previste.

 

10. PERCORSI E VIE DI FUGA

Per ogni Piano della Struttura  della Scuola ............. sono stati individuati percorsi specifici caratterizzati dal colore verde che corrisponde all’uscita di sicurezza attraverso la quale avverrà l’esodo e lo sfollamento dell’area interessata dalla emergenza.

A puro titolo esemplificativo si riporta la tabella della sede di

 

 

 

STRUTTURA della Scuola .............  a

 

Per ogni Piano della Struttura  della Scuola ............. sono stati indicati in Tabelle corrispondenti alle Planimetrie i seguenti parametri di riferimento:

 

 

q       Colonna 1: numero corrispondente ad ogni locale o area a cui

può accedere personale così come in  Planimetria;

q       Colonna 2: numero di persone normalmente presenti e loro

caratteristiche rispetto alla mobilità;

q       Colonna 3: numero corrispondente alla Scala da cui evacuare la

zona così come riportato nella  Planimetria;

q       Colonna 4: numero corrispondente alla Uscita di

sicurezza da cui evacuare la zona così come

riportato nella Planimetria;

q       Colonna 5: Punto di Raduno Sicuro da raggiungere attraverso il

percorso Scala è Uscita;

q       Colonna 6: Annotazioni specifiche sull’area considerata;

 

 

Quindi tutte le persone presenti nei locali numerati riportati dalla Colonna 1 attraverso la Scala indicata in Colonna 3 o attraverso l’Uscita indicata in colonna 4 dovranno raggiungere il Punto di Raduno Sicuro indicato in colonna 5.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

10.1.a. PIANO SEMINTERRATO

 

10.1.a1            3 Locali – spogliatoio - Attesa

 

 

N. Locali

 

N. Persone presenti

 

Scala

 

Uscita

 

Punto di Raduno sicuro

 

Annotazioni

 

 

 

 

 

 

 

1 – 2 – 3 

 

BLU

 

 Possono essere presenti massimo 28 persone di cui 20 adulte autonome e 8 bambini

 

 

 

Dal corridoio centrale verso l’U.S. 1 che porta in un cortiletto esterno. Da questo attraverso una rampa di scale si arriva al punto di raduno

 

Cortile esterno  dello stabile

 

Nel locale spogliatoi e atrio per Attesa possono esserci fino a 18 persone

 

 

 

 

 

 

 

10.1.a2            Mensa

 

 

N. Locali

 

N. Persone presenti

 

Scala

 

Uscita

 

Punto di Raduno sicuro

 

Annotazioni

 

 

 

 

 

 

 

Locale 4 

 

OCRA

 

 Possono essere presenti massimo 25 persone di cui …. adulte autonome e … bambini

 

 

Dal corridoio centrale a sinistra verso l’U.S.2 che porta attraverso una piccola rampa di scale al punto di raduno

 

Cortile esterno  dello .........

 

 

 

 

 

 

 

 

 

10.1.a2            Locali tecnici e Depositi

 

 

N. Locali

 

N. Persone presenti

 

Scala

 

Uscita

 

Punto di Raduno sicuro

 

Annotazioni

 

 

 

 

 

 

 

Sono locali dove non operano dipendenti

 

 

POSSONO TRANSITARE saltuariamente da questi locali

Persone adulte autonome

 

 

I locali hanno uscite indipendenti che danno nel corridoio centrale e da qui verso l’U.S. 2.

 

 

All’esterno dello ......... nel cortile adiacente

 

 

 

 

 

 

10.1.b. PIANO RIALZATO

10.1.b1            Uffici  di Segreteria – Direzione  Attesa

 

 

N. Locali

 

N. Persone presenti

 

Scala

 

Uscita

 

Punto di Raduno sicuro

 

Annotazioni

 

 

 

 

 

 

 

Locali

Da 1 a 6

 

BLU

 

 Possono essere presenti massimo 35 persone di cui 25 adulte autonome e 10 bambini

 

 

Attraverso il corridoio centrale adiacente verso l’U.S. 4  e poi attraverso la rampa dello scivolo si arriva al punto di raduno

 

 

Cortile esterno  dello .........

 

In caso di impedimento dell’US 4 è possibile utilizzare la Scala esterna Sc. 1

 

 

 

 

 

 

 

10.1.c. PIANO PRIMO

10.1.c1            Aule

 

 

N. Locali

 

N. Persone presenti

 

Scala

 

Uscita

 

Punto di Raduno sicuro

 

Annotazioni

 

 

 

 

 

 

 

Locali

Da 1 a 9

 

BLU

 

 Possono essere presenti massimo 37 persone di cui 14 adulte autonome e 23 bambini

 

 

Scendere dalla Scala 1 fino al Piano Rialzato

 

Al Piano verso l’U.S. 3 che da’ in luogo sicuro

 

Cortile esterno  dello .........

 

 

10.1.c2            6 Locali per gioco e didattica

 

N. Locali

 

N. Persone presenti

 

Scala

 

Uscita

 

Punto di Raduno sicuro

 

Annotazioni

 

 

 

 

 

 

 

Locali

Dal 10 al 16

 

OCRA

 

 Possono essere presenti massimo 92 persone di cui 26 adulte autonome e 66 bambini

 

 

Scendere dalla Scala 2 fino al Piano Rialzato

 

Al Piano verso l’U.S. 5 che da’ in luogo sicuro

 

Cortile esterno  dello .........

 

 

 

 

 

 

 

 

ALLEGATI AL PIANO DI EMERGENZA

 

GLI ADDETTI ALL’EMERGENZA

 

1. RESPONSABILI DELL’EMERGENZA

Il Responsabile Emergenza è il primo dell’elenco (in caso di assenza del primo subentra il successivo).

 

 

Responsabile dell’Emergenza

 

 

 

Sostituto

 

 

 

 

2. PERSONALE CON COMPITI SPECIFICI NELL’EMERGENZA

 

2a. Squadra Addetti antincendio - Sede della Scuola ............. .........

Addetto

                                                 

Addetto

                                                         

 

2b. Squadra Addetti pronto Soccorso - Sede della Scuola ............. .........

Addetto

                                                 

Addetto

                                                         

 

2c. Addetti sgancio elettrico - Sede della Scuola ............. .........

Addetto Dispositivi Sgancio

                                                 

Addetto Dispositivi Sgancio 

                                                         

 

2d. Addetti dispositivi sgancio gas e caldaia - Sede Scuola ............. ......... di ……

Addetto Dispositivi Sgancio

                                                 

Addetto Dispositivi Sgancio

                                                          

 

2e. Addetti controllo evacuazione locali - Sede della Scuola ............. .........

Addetto

                                                 

Addetto

                                                         



 

FIRMATO:                                                                               DATA:.......................

 

Il datore di lavoro:

 

..................................................................................

 

Altre figure coinvolte nella preparazione del documento

o che lo firmano per presa visione:

 

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione:

..................................................................................

 

Il Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza:

................................................................................